STASERA

di Marinella Cimarelli

 

Stasera famo i seri

se canta a tutto spiano

come quanno studiavamo

le scienze e 'l corpo umano!

Avede ripassado?

Io spero de sci.

Ede pure cantado

magari 'n bocconc?

Vedede 'n p che al CIGNO

non je tiramo 'l collo,

tranquillo nte lo stagno

all'ombra del bedollo

l galleggia ignaro

del coro che n' paro...

C' chi ttacca ttacca prima

e chi je cre diedro

(me ce f pure rima)

rcomannamoce a San Piedro!

Quella dell'UCCELLETTO

la sapemo tutti,

per n'antro poghetto,

ce vle a conti fatti

'n bocc de ripassada

vi mejo la cantada.

AUIMMAWE' AUIMMAWE'

'n gran bel trabocchetto

ce vi sopra tranquillo

ma diedro c' 'l trucchetto...

BARBARELLA ANNA

tutta Amerigana,

ancora n'antra spanna

e gi meno lontana

compare la speranza

de mette tutto a paro:

la forma e la sostanza,

e sci ce costa caro

pensamo al Concert

che c'avemo le Moie

nn podemo canta l

p f ven le doje...

Sul GRILLO gimo lisci

ch fila muntob

coi grilli ce li nfasci

perch vi troppo b...

LA BIONDA pure mejo

tutto 'n trallall

dimo ch' 'l nostro orgojo

filamo a paccan!

Speramo de non f tardi

dom v a fadig

me immagino lo sguardo

che suppliga piet...

Basta che ttacca uno

sbadija tutti quanti,

pare d'esse al raduno

dei ndormidi cantanti!

Coraggio fedaccioli

al traguardo ce riveremo

e miga semo soli?

Na trentina saremo:

'l Magistro ce concerta

'l Presidente ce rduna

'l Cigatore ce ncarta...

dimme te che FORTUNA!!!!!